Scritte Luminara

Da UZ wiki.
Versione del 25 giu 2015 alle 23:26 di Olmo_cerri (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)

Raccogliamo qui le scritte che sono state fatte sulle finestre del Timpano durante la Luminara del 16 giugno.

  • Anno 2015: TIMPANO IS BACK

Con questa scritta viene celebrata la prima luminara dopo la riapertura. Il collegio, rinnovato nel corpo studenti, non manca di rispondere agli appuntamenti con la storia e annuncia il suo ritorno.

A partire dal settembre successivo il Timpano sarà sgomberato per restauro. Con questa malinconica scritta si chiude questo ciclo di messaggi luminareschi, in attesa di riprenderlo quando, attorno al 2014, nuove schiere di studenti normalisti doneranno nuovamente vita alle mura del beneamato collegio.

Nel frattempo vale la pena di notare che la scritta di quest'anno è venuta piuttosto bene. :-)

ma purtroppo non si riuscì ad entrare nella stanza che doveva contenere la R. Dunque venne fuori HO PE*SO. Chissà cosa avrà capito la gente fuori… Aggiornamento: poi la letterata matricola proprietaria della stanza fu recuperata e la R messa a posto; in ogni caso, ahimè, ormai era tardi e tanti lumini (di qualità particolarmente bassa) spenti.

in onore del terzo mandato di Totò Settete e del giuoco di carte allora più popolare in Collegio. Tuttavia la scritta fu completata solo molto tardi causa ostruzionismo da parte degli omini della luminara.

  • Anno 2006: W MUSSI

perchè era da poco stato nominato ministro dell'università del fu governo prodi un ex normalista (che poi si scoprì non aver terminato il corso in sns) e, soprattutto, perché era una frase corta e tutti erano molto pigri, quell'anno.

foto 12

ma l'effetto finale era più simile a "TOPA MORATTI".

foto

ma era più facile leggerci "TOPA NO!"

Prima del 2003 questa "tradizione" di dubbio gusto non esisteva.

È attestata solo un'altra scritta (W LA TOPA), qualche anno prima del 2003, che dovrebbe essere la prima mai realizzata al Timpano durante una Luminara; le leggende vogliono che il Direttore in quell'occasione si sia adirato parecchio e la cosa non sia più stata tentata fino al 2003.